Mendev

Allineamento: LG
Capitale: Nerosyan
Insediamenti importanti: Egede (39410), Kenabres (12330), Nerosyan (64700), Valas’s Gift (220)
Sovrano: Regina Galfrey
Governo: Monarchia
Religione principale: Iomedae
Linguaggi: Comune, Hallit, Taldane

mendev.png

Il Mendev è una terra definita da conflitti con forze infernali ben oltre qualsiasi cosa si sia mai visto nell’Avistan. Le persone di questa terra lottano continuamente con il varco demoniaco conosciuto come Piaga del mondo attorno al confine ovest. Il Mendev è attualmente all’inizio della sua quinta crociata, ma tra i più e gli onesti questo conflitto ha attratto anche una buona fetta di mercenari e rinnegati di ogni tipo.

Oltre a tutto ciò, è in corso una guerra d’inquisizione nei confronti delle tribù che originariamente insediavano questa regione, le quali sono sospettate di praticare culti segreti devoti ai demoni. Il Mendev è una terra di conflitti, la quale nonostante le sue origini crociate, spesso degenera in guerre tutt’altro che sacre.

Governo

Il Mendev è in teoria governato dalla Regina Galfrey, La Spada di Iomedae. E’ un leader nobile e giusto che riesce a bilanciare la compassione con la fermezza necessaria a difendere la regione dai suoi invasori infernali. Il problema è che la sua influenza non si estende abbastanza lontano- ad essere sinceri, non troppo oltre i confini della capitale-fortezza di Nerosyan. Oltre i muri della sua città la sua parola non è più legge e i vari comandanti a governo delle rispettive città e delle armate del Mendev interpretano la sua parola a modo loro. Questo ha portato a delle divisioni all’interno della crociata, già destabilizzata dal grande afflusso di mercenari, assassini e altri templari di basso rango a partire dall’ultima guerra sacra.

Storia

Il Mendev, così com’è oggi, è una delle nazioni più giovani dell’Avistan insieme a Nirmathas. Il Mendev è nato con la Prima Crociata Mendeviana del 4622 AR. La crociata fu iniziata per contenere l’ondata di caos in arrivo dalla Piaga del mondo. Fu indetta dalla chiesa, già in affanno, di Aroden, la cui morte è sempre stata sospettata essere connessa alla Piaga. La chiesa provò ad utilizzare la crociata per ispirare i suoi seguaci ad una furia sacra, diretta dai seguaci di Iomedae, desiderosi di trovare una causa giusta per cui combattere. Furono queste migliaia di crociati pellegrini ad affollare il fiume Sellen, oltre il Lago delle Nebbie e del Velo, dentro al Mendev, ed eventualmente, a formare lo stato.

La prima crociata ebbe successo, o almeno così sembrava. Ci fu la pace per una generazione intera. Ma i demoni colpirono di nuovo, e i crociati, presi alla sprovvista, cominciarono a subire una sconfitta dopo l’altra fino alla caduta della città di Drezen nel 4630 AR. Ora la città è parte della Piaga del mondo. Sulle ceneri della sconfitta, partì la Seconda Crociata Mendeviana. Ce ne furono molte da allora, ma i crociati hanno perso da tempo la speranza di una vittoria definitiva, e si limitano a contenere la minaccia.

Geografia

Il Mendev è all’estremo nord del continente di Avistan e il suo orlo settentrionale consiste nelle torreggianti colline ghiacciate della Corona del mondo. A ovest, marchiata dalle Pietre guardiane, le quali aiutano a tenere la furia dell’abisso sotto controllo, c’è la Piaga del mondo, la stessa ragione di esistenza del Mendev. A oriente c’è il Lago delle Nebbie e del Velo, il grande corpo d’acqua attraversato da migliaia di pellegrini delle crociate. A sud c’è Numeria, separata dal fiume per la maggior parte del suo confine. Ad ogni modo, la gente del Mendev ha poco a che fare con questa grezza nazione di selvaggi e scienza peculiare.

Insediamenti

Gli abitanti del Mendev sono uno strano miscuglio di persone. Vanno da crociati, a ladri di poco conto. Nonostante la maggior parte dei suoi abitanti vi sono stati trascinati dallo zelo fanatico di una delle crociate, molti sono nativi di queste terre, e le loro famiglie spesso risalgono a periodi ad essa antecedenti. Queste persone, i Lobariani, hanno molte più cose in comune con il regno confinante di Sarkoris, ora parte della Piaga del mondo. I nativi vengono spessi trattati come cittadini di seconda classe dai crociati, dato che si ostinano a praticare la loro antica fede druidica. Questo li rende mal visti dai crociati più zelanti delle religioni tradizionali, e molti sono stati bruciati vivi per la loro fede. In effetti, si crede che buona parte della Terza Crociata, più che diretta a contenere la Piaga del mondo, fosse in realtà mirata nei loro confronti. Questo sospetto è ulteriormente alimentato dal fatto che Sarkoris, ai tempi di Aroden, era piena di culti dedicati al signore demoniaco Deskari, e il dio stesso si è fatto carico di distruggerli durante l’Età dell’Ascensione.

Gli altri abitanti più recenti del Mendev sono i crociati. Arrivano ancora ogni settimana per nave, attraverso il Lago delle Nebbie e del Velo. La gente in arrivo è spesso stranamente assortita. Durante la Prima Crociata Mendeviana, coloro che volevano combattere i demoni invasori erano perlopiù chierici di divinità buone e paladini di nobile intento. Ma già a partire dalla Quarta Crociata, la qualità dei migranti era di molto deteriorata. Ora i mercenari sono di gran lunga superiori ai crociati armati di sinceri propositi. Questa situazione è peggiorata dal fatto che la maggior parte delle nazioni a sud considerano le Crociate Mendeviane come comodo scaricabarile per dissidenti politici, ladri, criminali e altre persone non desiderate.

Avvenimenti importanti


4606 AR
Morte di Aroden. La Piaga del mondo si apre.
4622 AR – 4630 AR
Prima Crociata Mendeviana. Formazione del Mendev.
4630 AR
Caduta della fortezza crociata di Drezen, ora parte della Piaga del mondo.
4638 AR – 4645 AR
Seconda Crociata Mendeviana. I crociati, resisi conto dell’impossibilità di arrestare l’avanzata demoniaca, ora molto meglio organizzata rispetto alla Prima Crociata, creano le Pietre Guardiane come baluardo tra il Sellen dell’ovest e i fiumi di Moutray. Le Pietre guardiane, nonostante non impediscano l’avanzare dei demoni, ne inibiscono la possibilità di teleportarsi, riducendo di molto la loro possibilità di infiltrarsi nel resto di Golarion. La Seconda Crociata viene comunque considerata un enorme fallimento.
4665 AR – 4668 AR
Terza Crociata Mendeviana. I crociati, provati dai precedenti conflitti, cominciano ad ammettere tra i loro ranghi persone con intenzione meno che nobili. La Terza Crociata viene corrotta dall’interno, e devolve ben presto in una futile caccia alle streghe. Il governo di Mendev vi pone fine nel 4668 AD.
4692 AR – 4707 AR
Quarta Crociata Mendeviana. Un nuovo leader emergente tra i demoni, un balor noto con il nome di Khorramzadeh, riesce a danneggiare la Pietra guardiana di Kenabres. Questo pericoloso sviluppo induce alla creazione della Quarta Crociata, la più lunga ed estenuante. Si conclude definitivamente dopo 15 anni, nel 4707 AC, e non per il conseguimento di un qualunque risultato, ma per puro collasso delle forze crociate. Fondazione dell’Ordine degli Araldi, un manipolo di crociati votati ad estirpare gli eccessi della Terza Crociata. Sforzo perlopiù premiato, nonostante Kenabres resti tutt’ora in parte in preda al fuoco purificatore dei fanatici.
4739 AR
Quinta Crociata Mendeviana. Inizio della campagna.

Mendev

L'Ira dei Giusti Aradas